MANUALE PER SUICIDI: COME SCRIVERE UNA LETTERA D’ADDIO FIGA

Standard

Questa è la tua occasione d’oro per dimostrare al mondo intero che sai scrivere!

Ortografia, calligrafia e una buona introduzione sono indispensabili, ed è normale essere nervosi quando si scrive una cosa del genere, c’è molta pressione.
Il tuo ultimo capolavoro letterario è aperto al pubblico scrutinio. La tua lettera d’addio sarà letta da tutta la tua famiglia, dagli amici e dagli investigatori di polizia. E se la scrivi davvero bene, potresti essere pubblicato sul giornale locale.
Devi scrivere una lettera semplice, concisa, che riesca ad abbracciare tutti gli argomenti importanti di cui vuoi parlare (visto che non ci saranno ulteriori editing)
Quindi niente letterine sul retro degli scontrini o su fogli di carta a4 già stampati.


1) Devi essere breve

Nessuno ha voglia di leggere una lettera lunghissima dal momento che, probabilmente, non sei una persona così interessante. Quindi vai dritto al punto.

2) Devi essere divertente

Andiamo, solo perché è una lettera di suicidio non vuol dire che devi essere tutto serio. Inserisci qualche battuta, altrimenti cosa penseranno i tuoi amici? Vuoi essere davvero ricordato come “quel palloso che si è suicidato?”

3) Conserva il mistero

Probabilmente, la persona che sta leggendo la lettera vorrà sapere dove si trova il tuo corpo. Rendi la ricerca più interessante e organizza una caccia al tesoro! Disegna una mappa e riempila di X. la X segna il punto dove scavare!

Es: Ciao, mi sono appena ucciso e ti ho sporcato le lenzuola di sangue. Vuoi sapere se sto scherzando? Vai a controllare…

4) Incolpa una sola persona

Dopo un suicidio le persone cominciano a essere assalite dai sensi di colpa. Sembra che un po’ tutti si sentano colpevoli. Lasciare gli amici e i familiari pieni di rimorso non è carino. Per fortuna, puoi rimediare incolpando della tua morte una sola persona. Scrivi che ti sei ucciso perché non sopportavi di vedere Morgan trattato in quel modo a Xfactor, oppure che non ce la facevi a vivere con il rimorso di aver fatto piangere la Fornero in televisione.

Ecco una lista di persone o situazioni da incolpare:

La Fornero

Gli alberi che perdono le foglie

Ai se te Pegou

Il Piccolo Principe

Papa Giovanni Paolo II

Wu Ming Foundation

I cinesi che ci rubano il lavoro

I panda che starnutiscono su you tube

Google +

5)Lascia il numero della pizzeria e abbastanza soldi per un’abbuffata

I tuoi amici ti ringrazieranno e tu sarai ricordato in questo modo:
“Non dimenticherò mai il giorno in cui il mio amico si è tolto la vita. Era mercoledì e abbiamo ordinato dieci pizze da PizzaPazza. Abbiamo preso tutti gusti diversi e una cassa di birre, non potete immaginare quanto abbiamo mangiato quella sera… hey, di che cosa stavo parlando?”

Come vedete l’uscita di scena è la parte più importante della commedia(o, nel vostro caso, della tragedia), quindi pensateci bene e non fatevi prendere impreparati!

2 pensieri su “MANUALE PER SUICIDI: COME SCRIVERE UNA LETTERA D’ADDIO FIGA

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...